SECONDI PIATTI

Semplici e succulenti piatti di carne e pesce


Sapori che ti trasporteranno nei colori della Romagna e nella poesia di una brace che brilla, di una fragile saraghina che incontra l’olio bollente, di piatti di recupero che si trasformano in delizie del palato.

Molti dei secondi piatti che facciamo è possibile mangiarli solo da noi o in qualche osteria di campagna. Forse perchè prevedono lunghe preparazioni o perché non seguono le mode del momento. Ad ogni modo preferiamo non privare noi stessi ed i nostri Ospiti di queste ricette forti ed intense, come la natura.

Qui di seguito ti presentiamo alcuni tra i tanti secondi piatti di tradizione che prepariamo.


BACCALÀ in umido alla romagnola
Il Baccalà si mangia ancora spesso nelle Sagre di Campagna e nelle Osterie e viene amato come un tempo, come piatto ricco, costoso e prelibato. Oggi il baccalà è un piacere in via di estinzione perché richiede tempo. Ma per chi il tempo lo trova, rimangono immutati i sapori del baccalà in umido, ovvero quello che, come si diceva, da vivo nuotava nell'acqua e da morto nuota nell’olio.


BRODETTO alla riminese
Eccolo qui, il monumento della gastronomia di mare riminese, il brodetto. Saremo di parte, ma il nostro brodetto non ha nulla da invidiare alle altre – più blasonate - zuppe di pesce italiane, come il caciucco livornese e la zuppa siracusana.
Il mare Adriatico offre pesci piccoli, da brodetto appunto, ma saporitissimi. Il brodetto è un piatto povero, che i pescatori cucinavano in barca durante le giornate di pesca.
Il segreto della sua bontà è solo uno: il pesce freschissimo. Per questo, proprio in base alle disponibilità del mercato, le specie di pesce presenti tendono a variare spesso.


SALAME MATTO e FORMAGGIO DI FOSSA
Una volta il salame matto (in dialetto, e salam mat) si preparava e si consumava alla domenica, giorno in cui si faceva il brodo di carne.
La preparazione prevede pane vecchio, formaggio grattugiato, avanzi saporiti e casuali di cucina e di dispensa, odori dell’orto, noce moscata, buccia di limone, pepe, sale e uovo per legare. Il tutto viene impastato a mo’ di salame, grosso e allungato, pieno e consistente.
Viene poi cotto nel brodo per renderlo più consistente.
In questa ricetta, accompagniamo il salame matto con qualche preziosa scaglia di sublime formaggio di fossa.

Non fare il patacca, richiedi un preventivo gratuito
Fare una richiesta gratuita non ha svantaggi, anzi prova e vedrai!

autorizzo al trattamento dei dati personali, secondo il D. Lgs. 196/03 sulla privacy

Ti piacerebbe fare 2 chiacchiere con uno di noi?


Chiama uno dei nostri hotel e fagli tutte le domande che vuoi!
Oggi è disponibile per te, con il suo accento romagnolo:
la Fam. Castrichino - hotel CASABLANCA di RIVAZZURRA Rimini

+39 0541 372463